venerdì 12 settembre 2014

TRA IL SERIO E IL FACETO

Vi avrò sicuramente già parlato del posto dove viviamo, una via di mezzo tra Milano Due a villette, il mondo di frutta candita e un blando villaggio vacanze. Non che ci sia un'animazione vera e propria ma in molti casi, se ci si fa coinvolgere, ci sono attività sportive tra cui scegliere, iniziative varie, festicciole ed incontri, che ciascuno può ovviamente ignorare o considerare, ma che in ogni caso rendono questo compound unico nel suo genere.
A dire il vero il fatto che ultimamente ci siano molti più cinesi e molti meno stranieri che vi abitano sta cambiando un po' l'atmosfera, anche perché spesso i locali che vengono ad abitare qui non parlano inglese o non sono interessati a socializzare molto, il ché è bizzarro perché in genere chi sceglie questa sistemazione lo fa anche e soprattutto per conoscere gente da tutto il mondo.
Comunque.
Negli ormai quasi tre anni qui, abbiamo preso parte a diverse feste, specie quelle a tema, in molti casi a tema idiota, lo ammetto, pagliacciate degne dei peggiori film di Vanzina che, in sostanza, ci hanno fatto regredire di venti anni, sempre ammesso che a vent'anni facessimo i cretini in questo modo.
Siamo stati un sacco di cose.

Animali...

Spacciatori...

Banda Bassotti....

Movie Stars...

Figli dei fiori...

Tipi da spiaggia...

Ora, siccome qui non ne hanno mai abbastanza, il 20 settembre mezzo compound si sposterà di pochi km per prendere parte all'October Beer Festival, mega evento in voga da alcuni anni a Shanghai, sulle tracce del più celebre OktoberFest tedesco. E giusto per non farsi mancare nulla, tutti ci andranno con i tipici vestiti bavaresi. E allora via! Tutti al mercato dei tessuti a farsi fare il costumino con maniche a sbuffo e orribili fantasie fiorate.
Ero quindi anche io in direzione Fake Market, quando ho avuto un ripensamento: non tanto per la spesa in se', quanto per la futilità della cosa.
Non più di due giorni prima, la ayi di una mia amica, che io conosco bene, ha annunciato di essere incinta e di dover tornare al suo paese per abortire, perché con già due figli, non avrebbe potuto permettersi la spesa del terzo.
E questa cosa mi ha veramente intristito. Un po' perché i cinesi effettivamente sfornano figli in continuazione al punto che la "politica del figlio unico" un po' la capisco pure, e quindi non puoi fare a meno di chiederti perché cavolo non usino precauzioni. E poi perché in ogni caso l'idea di non potersi permettere un figlio già in arrivo non è comunque una bella situazione.
Ecco quindi che la prospettiva di spendere soldi ed energie per uno stupido costume da birraia mi è sembrato troppo.
Poi ho parlato con questa mia amica israeliana e le ho espresso le mie perplessità. Lei mi ha detto che per le stesse ragioni era molto risoluta nel proposito di comprarsi il vestito: perché nella sua terra volano bombe, perché nella sua famiglia quest'estate ci sono stati due lutti, perché sua mamma è malata di Alzheimer e pensa che la prossima volta che si vedranno forse non la riconoscerà, ed essenzialmente perché non ci si può far carico delle pene altrui rinunciando a ciò che di bello o piacevole riguarda la propria vita.
E perché, aggiungo io, forse non è la giusta prospettiva da cui vedere le cose, anche quelle brutte, o tristi o ingiuste.

Alla fine ovviamente ho comprato il costume e, ovviamente, la ayi tornerà al lavoro lunedì, come se niente fosse, anche se mi restano comunque dei dubbi sull'aver fatto la "cosa giusta".

Speriamo almeno che la birra sia buona. Sic.

8 commenti:

  1. Penso che certe volte la nostra coscienza ci imponga dei sensi di colpa per fatti di cui non siamo affatto colpevoli (e che non possiamo modificare).
    Hai fatto bene a comprare il costume. Io, probabilmente non l'avrei fatto, e me ne sarei pentita.

    P.s. le foto sono stupende! Siete fortissimi!!

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo con Ciccola.Il tuo "sacrificio" non avrebbe cambiato di una virgola la situazione della Ayi.Sono anch'io dell'idea che non essendo un ingenua, qualche precauzione poteva averla. Ma appunto,cinicamente parlando, poteva pensarci prima!Per il costume:mi raccomando il grembiulino in tinta con la gonna! Buon divertimento e...segue foto,no? Cora

    RispondiElimina
  3. Allora ?Com'era la birra all'October Beer Festival? Mara

    RispondiElimina
  4. Ciao, non scrivi più? Mi piaceva molto il tuo blog...

    RispondiElimina
  5. Ripeto: torna ad aggiornarciiiii ♡♡♡

    RispondiElimina
  6. Ciao,
    Prima di tutto spero che stai bene!
    Ho letto tanto il tuo blog e sono un po più tranquilla a spostarmi a Shanghai, seguendo anche io il mio marito, insieme ai nostri 2 bimbi. Mi piacerebbe tanto leggere le tue ultime novità.
    Un caro saluto,
    Manuela

    RispondiElimina
  7. Simulare e ottenere il vostro prestito entro fine anno

    Simulare e ottenere tua caregiver di fine anno. Prestito formalità semplici prestiti personali per tutti gli usi beneficiari dipendenti e funzionari con un'età di 3 mesi. Scopo del prestito tutti utilizza: progetti - miglioramento dell'ambiente vivente -: auto, mobili, viaggi, paghiamo da 1500 € a 900.000 €. Contattarci via e-mail per ulteriori informazioni.
    Nota bene: per qualsiasi persona interessati alla mia offerta per favore mi ha contattato via e-mail: tran.claudio@gmail.com

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...