lunedì 26 agosto 2013

NOVITA', NOMI E OPINIONI PERSONALI

La scuola è ricominciata.
E quest’anno è pieno di scoppiettanti novità. Oddio, scoppiettanti, diciamo piuttosto imprevedibili novità. Nel senso che qui non si sa mai se un cambiamento sia un bene o male.
Partiamo da Alice, ché qui le novità si sprecano.
Scuola nuova, vita nuova, mentalità completamente diversa. Diciamo che il passaggio dalla RBIS alla YCIS è consistente e le similitudini tra le due scuole si limitano alla dicitura di scuola internazionale, quindi essenzialmente alle ultime due lettere del loro acronimo.
Un po’ come se cercassi di paragonare, chessò, Javier Bardem con Carlo d’Inghilterra. Il ché non depone a favore del cambiamento, perché – in definitiva – chi preferirebbe farsi un bollito come il principe anziché quel figaccione di Bardem. Diciamo allora il principino William, almeno. Che bollito mi sembra uguale, ma almeno dalla sua ha il vantaggio dell’età.
Il fatto è che la nuova scuola ha molte più regole e restrizioni rispetto all’altra (sullo school-bus si siede sempre nello stesso posto, non si gioca senza cappello, non si arriva in ritardo, non si tolgono mai dalle plastiche i diari di classe, si veste tutti uguali con la divisa – orribile – della scuola) che viceversa era più simile ad una comune che ad una scuola. 
Ma le maggiori novità, che sto tentando di far passare per “elettrizzanti”, consistono nella presenza di compiti quotidiani ( a partire da oggi, acc…) e lo studio altrettanto quotidiano del cinese, caratteri e cultura (‘na mazzata, insomma).
Ed è stato bello, ieri sera, dopo tre soli giorni dall’inizio delle lezioni, venire a sapere dalla creatura che a lei il cinese non piace, che non capisce niente e non ce la farà mai. E dagli a spiegarle che ora è così ma che poi tutto si aggiusta, che anche con l’inglese all’inizio era la stessa cosa, mentre ora la prendono per madre lingua e va come una scheggia.
Già, peccato che in realtà anche io sia terrorizzata all’idea di doverla aiutare con i compiti senza sapere un emerito tubo di caratteri. E se tutte le spiegazioni su cosa fare sono in cinese? Ok, c’è sempre l’ayi. E se l’ayi si rivela una capra e non riesce ad aiutarla?
Intanto per il momento abbiamo vinto il nome in cinese, perché ogni bambino che studia cinese DEVE possedere un nome che “suoni” come il proprio originale. E la nostra derelitta è stata prontamente battezzata aì lì si, che grosso modo suona come “dal bel cognome riflessivo”.
Meglio di niente, via.
Che poi a ‘sta cosa del tradursi i nomi da asiatico ad occidentale e viceversa bisognerebbe dare un freno, perché alle volte ho l’impressione che certi cinesi, dal banalissimo nome uguale ad altri cinque milioni di connazionali, sfoghino le loro repressioni con questo sistema. Un po’ come se io mi chiamassi Maria Rossi e un giorno mi dicessero che posso farmi chiamare anche in un altro modo. Come cacchio mi pare a me. Cosa sceglierei? 
Nella mia seppur modesta esperienza cinese sono già incappata in epiteti (perché tali li chiamerei) quantomeno bizzarri…
Come nella nuova classe di Maia, per esempio: quest’anno, a parte le sue due storiche amichette, sono tutti asiatici e tutti prontamente ribattezzati dalle proprie famiglie nei modi più creativi..
Voglia d’armi e d’amore? Ecco Tristan.
Preferivate un cane? E allora vai con Rex.
Vuoi che tua figlia la prendano tutti per il culo? Chiamala Mermaid e dormi tranquillo.


10 commenti:

  1. Su questo post ci sono tanti spunti di riflessione però io mi sono sbellicata dal ridere! Sei fortissima!

    RispondiElimina
  2. scoprirai le bellezze della scuola di hong kong, che non ha nulla a che fare con tutte le altre scuole a shanghai, perche' qui si studia sul serio, soprattutto il cinese.
    ma vuoi mettere la soddisfazone? te lo dico per esperienza, quasi quinquennale.
    con affetto, e... per farti capire chi sono: ci vediamo venerdi'.
    bi hai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'avevo capito anche senza indizio!
      Eh eh..

      Elimina
  3. Eh..mi sfugge una cosa..perché si deve giocare per forza con il cappello?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché nella ridente Shanghai in questa stagione si schiatta di caldo!!!!!!!!!!

      Elimina
  4. Sono veramente senza parole! ...Ed è tutto dire! In bocca al..dragone.Cora

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...